image_pdfimage_print

La scoperta delle onde gravitazionali

6 maggio 2016 – Libreria Rinascita, ore 18.30 – Ascoli Piceno (AP)
Presenta: Eleonora Tassoni
Introduce: Valentina Galati
Modera: Giovanni Amadio
Relatore: Eugenio Coccia

“Abbiamo osservato l’onda gravitazionale proveniente da una sorgente lontana un miliardo di anni luce, costituita da due buchi neri che sono entrati in collisione e si sono fusi. In effetti si trattava di dimostrare l’esistenza delle onde ipotizzate cento anni fa da Einstein. Osservandole per la prima volta abbiamo dimostrato in un colpo solo anche l’esistenza dei buchi neri, a loro volta solo ipotizzati fin qui, e mai osservati direttamente. Le onde gravitazionali provengono dalla fusione di due buchi neri, che si sono avvicinati, hanno preso a ruotare vorticosamente uno intorno all’altro e alla fine si sono fusi in un buco nero più grande. L’onda ha la forma di una sinusoide, che aumenta di frequenza e di ampiezza nella sua parte finale”.

Documento senza titolo Documento senza titolo

Scarica gratis






Seguici


Collaborazioni