image_pdfimage_print

Omaggio a Lev Tolstoj

a cura di Manuel Scortichini

 

Il conte Lev Nikolaevic Tolstoj nasce a Jasnaja Poljana nel 1828, all’interno della personale tenuta di campagna di famiglia.
Diviene fin dalla giovane età orfano di madre, insieme ai fratelli e alla sorella e la campagna russa plasmerà la sua infanzia.
A quindici anni esplora le letture di Voltaire e Rousseau.
Jean-Jacques Rousseau eserciterà sul giovane Tolstoj una prolungata influenza, fino a fargli indossare al collo il medaglione del filosofo ginevrino. Nel periodo della giovinezza – intorno al 1847 -, dopo una bocciatura alla facoltà di lingue orientali e una svogliata frequentazione della facoltà di diritto, lascia l’università e si stabilisce a Jasnaja Poljana con l’intento di rendersi utile ai servi della gleba. Corre il 1851: dopo quattro anni di tormenti e interrogativi sul senso della vita e insoddisfatto dell’esperienza famigliare parte per il Caucaso come sotto-tenente d’artiglieria e ben presto prenderà realmente inizio la sua attività letteraria.
Il Caucaso è all’epoca luogo di formazione e d’ispirazione per numerosi scrittori russi tra cui Lermontov alla cui prosa si avvicinano gli scritti di gioventù di Tolstoj, principalmente per le scene di guerra. L’annessione del Daghestan e della Cecenia all’Impero russo zarista generano un conflitto con la popolazione locale, evento che l’autore descriverà nella novella “I Cosacchi”.
A Sebastopoli durante la guerra di Crimea – in veste di comandante di divisione -, si trova in uno dei più pericolosi posti della città assediata, singolare scenario da cui trae spunto un ciclo di racconti intitolato “Racconti di Sebastopoli” che analizza nuovamente il tema della guerra. La tecnica di raccontare le scene di battaglia tramite la descrizione caratteriale dei personaggi e di sottoporre questi all’interno del conflitto, renderà i suoi scritti unici dove la moralità entra sulla scena letteraria con piena forza.

Documento senza titolo Documento senza titolo

Scarica gratis






Seguici


Collaborazioni




Italia Sabauda

Finis Austriae