image_pdfimage_print

L’Italia dall’antifascismo all’anticomunismo: il triennio 1947/1949

di Giuseppe Baiocchi del 18/06/2016

Dalla fine del conflitto alla guerra fredda, se si deve guardare ad una cronologia, bisogna osservare un triennio fondamentale: dall’ 8 agosto del 1945 fino al momento in cui Truman lancia la proposta della guerra fredda, di fronte alla aggressione crescente della Unione Sovietica nei confronti dell’Europa dell’Est, in qualche modo rappresentata dalle crisi di Berlino del 1948.
La guerra fredda comincia quando Truman abbandona il sogno rooseveltiano di creare una unità mondiale delle forze vincitrici della 2°guerra mondiale, comprendente anche l’Unione Sovietica. Franklin Delano Roosevelt, quando accettò di stipulare l’alleanza con Stalin dopo l’invasione tedesca dell’URSS, fece abbandonare al presidente ogni remora ideologica antisovietica, e buona parte delle critiche aspre mosse dall’ opinione pubblica americana consapevole delle nefandezze staliniane (le famose “purghe staliniane”). La teoria del presidente americano vacillò quando i russi non si presenteranno alla conferenza per la riorganizzazione planetaria dopo la guerra.

La guerra fredda nacque con Truman, braccio destro di Roosevelt e co-artefice del New Deal.
Dal 1941 al 1947 l’ideologia dominante, sulla quale imperniare la nuova visione degli assetti globali, si stava formando sull’opposizione pratica e teorica che gravitava intorno al concetto politico di fascismo e antifascismo, e quest’ultimo, per le potenze vincitrici, era sicuramente il campo ideale entro cui far risorgere la democrazia europea.
L’idea del nuovo ordine mondiale si palesò dunque nel triennio 1947-1949 quando, nel corso di soli tre anni, ebbero luogo degli avvenimenti geopolitici talmente rilevanti, tali da mutare il pensiero politico strategico dell’ordine mondiale.
Questi accadimenti, in ordine, furono:
1) La guerra civile in Grecia, nella quale le forze comuniste greche cercarono di uscire dall’ordine di Yalta ( che faceva del paese greco uno stato che doveva essere considerato ‘occidentale’ dalla famosa “cortina di ferro”, per la spartizione dell’Europa in aree di influenza).
2) Il biennio 1947-1948, durante il quale l’Unione Sovietica cercò di ridiscutere la divisione della Germania e quindi di scatenare in essa il focolaio permanente di divisione internazionale, agevolando la distruzione della democrazia nei paesi dell’Europa dell’Est avviata nel 1946 in Polonia e finita del 1948 in Ungheria, e che portò alla formazione dei primi stati satellite di tipo imperialista.
3) La vittoria di Mao in Cina con la fondazione della Repubblica popolare cinese.
Nel 1947 tale evento non sarebbe nemmeno stato contemplato dall’opinione pubblica, poiché il nazionalismo di Chiang Kai-Shek era molto forte. La vittoria di Mao Zedong sul Guamindang (KHT) partito nazionalista cinese, mutò gli equilibri il 1 ottobre del 1949: ottocento milioni di persone diventavano comuniste, con un miliardo e più di esseri umani inghiottiti dal cono d’ombra degli altri regimi comunisti. Mao riprese inizialmente il modello totalitarista e comunista di Stalin, che spirerà nel 1953.
Tutto si svolse in una rapidità di tempi sconvolgente e la discriminante fascismo/antifascismo cedette il posto ad un’ altra discriminante che fu quella tra comunismo e anticomunismo.
Inizia ad essere chiaro che la ricostruzione geopolitica del mondo che comincia in questo fatidico triennio non si muove nella prospettiva che aveva spinto gli alleati a sconfiggere il nazismo e rispristinare la democrazia, ma avvenne in uno scenario che subì una trasformazione radicale. Non fu più Hitler, ma Stalin. Gli ultimi rimasugli del fascismo, quello portoghese e quello spagnolo, vennero inglobati nel processo atlantista statunitense e giudicati come “necessari”.
In Spagna, Italia, Grecia e Turchia vennero stabilite le basi militari americane per avere una testa di ponte diretta con il nemico comunista.
Questo fece sì che si guardò ai fascismi della America Latina solo in chiave anti-comunista e quindi la politica statunitense non solo fu tollerante, ma intese offrire protezione ai piccoli regimi autocratici di stampo fascista. Si riteneva, difatti, che questi potevano essere ottimi baluardi alla penetrazione di quei movimenti marxisti/comunisti i quali disponevano di grandi forze.
Così, tutte le dittature dell’America Latina iniziate negli anni trenta e che si formeranno nel primissimo dopoguerra furono la risposta imperialista statunitense alle risposte imperialiste sovietiche, che iniziarono a spartirsi il pianeta.
Nel 1956, l’Unione Sovietica invaderà l’Ungheria, mentre di contro, gli Stati Uniti, tuteleranno le più sanguinose dittature latine per un disegno, ambo le parti, di stampo imperialista.
Gli aspetti ideologici che porteranno alla demonizzazione del nemico nel contesto della narrazione storica e culturale, giustificheranno tutti gli operati. Si accettò dunque che la fine della rivoluzione greca portasse al potere Metaxa, un dittatore fascista, e fu permesso alla gran parte dell’Intelligence hitleriana di fuggire nell’America latina, vivendo al riparo in quei regimi che gli Stati Uniti stavano tutelando.
Anche in Italia l’epurazione degli uomini che erano stati il nerbo del regime fascista non avvenne mai, in modo da favorire quell’equilibrio necessario che portò alcuni ex-fascisti al comando di movimenti politici fondamentali per la ricostruzione della stessa politica italiana, sempre in chiave anti-comunista.
Tutti gli uomini, membri delle resistenze dei loro paesi, che avevano costruito i loro ideali morali e civili sotto il principio anti-fascista, nel 1947-1949 si trovarono nella difficile decostruzione dei loro stessi valori. Le forze moderate dell’antifascismo, come le forze cattoliche, liberali, che avevano combattuto contro il fascismo, doverono immediatamente abbandonare quell’appartenenza, costretti a ridimensionarla, per dar spazio all’anti-comunismo imposto dalla politica atlantista statunitense che con il Piano Marshall stava ricostruendo l’Italia, la quale si trovava in uno stato di tremenda miseria alla fine del conflitto mondiale.
In tre anni l’assetto geopolitico mutò inaspettatamente per tutta l’opinione pubblica mondiale. I fascismi in Europa ci sono ancora, non solo dove li si epura male (come in Italia), ma anche dove si proteggono. L’irrisolta questione, lasciata in eredità del fascismo/antifascismo, non si risolse con la dicotomia comunismo-anticomunismo. In un paese come l’Italia, che del fascismo era stato l’inventore, la questione ideologica rimase fortemente irrisolta, soprattutto poiché il fascismo non venne imposto da un altro paese “straniero” ma nacque e si sviluppò autonomamente in Italiana, fino ad essere esportato come modello fuori dalla Nazione (modello che nei paesi della penisola iberica si è rivelato molto duraturo).
L’eredità del fascismo è ancora presente nella testa degli italiani, che diviene tanto più vivente, quanto più la nostra repubblica non costruisce istituzioni, livelli culturali, dinamiche di socializzazione attorno alla critica del fascismo. Questa operazione sacrosanta di cui il paese aveva bisogno per interrogare la propria coscienza civica, ci fu impedita, poiché nel 1949 si diffuse l’idea di un altro totalitarismo: quello comunista. E’ chiaro che l’oblio di questo passato, impedisce alla nazione di fare un esame di coscienza, ritrovando molto spesso individui che hanno abbandonato l’ideale fascista solo perché costretti e che continuano in cuor loro a credere in ideali che oggi per l’epoca in cui viviamo sono oramai inapplicabili. Queste persone, dati alla mano, sono sicuramente molto più numerose di quelle che dal 26 dicembre del 1946 si schiereranno nel Movimento sociale italiano, che nella storia politica del paese sarà destinato ad essere solamente una minoranza.

Giorgio Almirante, storico segretario del Movimento Sociale Italiano, partito politico di destra, di cui è stato uno dei fondatori nel dicembre 1946 insieme ad altri reduci della Repubblica Sociale Italiana.

Tutto ciò sarà visibile, quando il sistema dei partiti usciti dalla guerra si disintegrò negli anni 90 e intorno ai campi ideali in cui si ricostruisce il centro destra in Italia, riemersero vecchissime tradizioni che facevano riferimento a quelle memorie troppo spesso dimenticate, occultate, ma mai analizzate criticamente nel periodo successivo al 45. E’ fondamentale pensare l’Italia in questo contesto. L’Italia ebbe anche un problema ulteriore, per via del suo posizionamento strategico. Un problema anche geografico, che ereditò lo stesso Mussolini quando capì benissimo che l’Italia non poteva essere geopoliticamente una Svizzera venti volte più grande, poiché la posizione geografica la inseriva nelle condizioni di entrata nel conflitto (a differenza ad esempio della Spagna).
Altri paesi come la Francia, la Spagna, l’Inghilterra, l’Olanda hanno sempre fatto parte di quel mondo occidentale in cui l’Italia si apprestava ad entrare. L’Italia del ventennio aveva un’ identità più che europea, mediterranea; l’occidente non era molto presente nell’identità nazionale, non era presente il “campo occidentale” poiché l’unico spazio che conoscevamo era “il nostro spazio vitale”.
L’Italia della rivoluzione fascista, fino al 1943, voleva imporsi come potenza planetaria, definendo lo spazio geografico e geopolitico con la forza. Quando si disintegrò il regime fascista, cosa rimase nelle macerie? L’appartenenza dell’Italia ad un campo geopolitico che non esisteva più, poiché il Regio esercito combattè nel 1943 come co-belligerante dei britannici, senza minimamente immaginare come sarebbe stato l’ordine mondiale (in quegli anni antifascista e rooseveltiano). Inoltre (dato da non sottovalutare) la monarchia che combatteva alla fine del conflitto contro la Repubblica di Salò, non era certamente antifascista, se si considera che solo due anni prima Amedeo di Aosta fu il vicerè dell’Impero italiano in Africa orientale. Difatti, proprio per tale motivo, la monarchia in Italia perdette, alla fine del conflitto, qualsiasi legittimità per la rappresentanza del paese negli anni a venire. Il referendum del 1946 segnò la fine di una legittimità fortissima (forse spinta anche dagli americani) e si crea poiché la ricollocazione geopolitica del paese comporta l’assoluta estraneità della monarchia italiana al nuovo orizzonte mondiale atlantista.

Il tricolore con lo stemma sabaudo, prima bandiera dell’Italia unita, dal 1861 fino al 1946

L’ordine ideologico mondiale si stava delineando intorno a due mondi, due sistemi opposti e polarizzati, nei quali la terza via non era prevista, se non per piccoli stati. Dunque la definizione di dove collocarsi era fondamentale e non a caso nel 1947 in Italia si ruppero tutti i governi di unità nazionale antifascista e si formarono governi centristi filo-occidentali e filo-americani, poichè quella discriminante diventò immediata.
L’Italia aveva il partito comunista, che aveva la più alta rappresentanza europea occidentale: sindacati, cooperative, uomini intellettuali, centri di cultura. Tutte macchine politiche di sinistra. Il PCI non chiese mai che l’Italia entrasse a far parte del patto di Varsavia, chiese qualcosa di impossibile: la via del neutralismo. Insieme a socialisti e ad alcuni liberali si opposero perciò all’ingresso dell’Italia nella NATO.
La scelta dell’Italia fu la NATO (L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord) e fu comunque una scelta sofferta (senza l’Italia non ci sarebbe stata un’ Europa unita). Ad esempio se si prende la Jugoslavia, questa decise di essere comunista, ma non filosovietica, subendo pressioni di tutti i tipi per essere riassorbita in tale orizzonte.
Quando gli USA si dichiareranno favorevoli alla guerra di Korea, la NATO sarà avvertita solo dopo l’inizio delle operazioni militari. Questo comportamento ci fa comprendere come il peso politico dell’Europa, uscita distrutta dal secondo conflitto, fosse praticamente inesistente.
Oggi gli eventi dimostrano che è avvenuto un cambiamento da parte statunitense, ma le problematiche europee sono soprattutto di stampo economico, proprio per una variazione economica atlantista americana dopo il 1990. Gli Stati Uniti nella conferenza di Bretton Woods del 1944, sanciscono le linee che contraddistingueranno i principi liberisti statunitensi.
 
1)Libero scambio
2) Principio di uguaglianza (welfare)
3) Lo Stato diventa regolatore del sistema economico
4) Ripresa economica dell’Europa (Piano Marshall de 1948)
5) Nuovo equilibrio monetario dalla Sterlina britannica legata al Dollaro come moneta centrale
6) Creazione di istituzioni in grado di far funzionare i mercati.

La Conferenza di Bretton Woods si svolse dal 1 al 22 luglio del 1944 nella cittadina di Bretton Woods nel New Hampshire in USA

La storia dell’Italia si inserisce all’interno di questo cammino che la vedrà coinvolta, insieme alla Germania Ovest, come uno dei paesi che beneficerà di più di tali fondi. Il Piano Marshall permetterà l’innovazione dei sistemi produttivi, i prestiti gratuiti alle imprese e una forte spinta all’immissione della tecnologia nel paese.
In questa confusione ideologica, i partiti centristi del primo dopoguerra hanno avuto il merito di spostare l’attenzione del cittadino verso un nuovo futuro possibile. La visione di un futuro di prosperità e felicità per il paese è l’unico merito delle élite politiche italiane che hanno reso visibile il sogno, all’interno di scenari compositi. I manifesti della democrazia cristiana rappresentano spesso il benessere che la vittoria del partito, avrebbe portato al paese. Da questo punto di vista la letteratura di quegli anni è meravigliosa, soprattutto è meravigliosa la capacità di diffondere quegli slogan popolarissimi che riscriveranno la storia del dopoguerra italiano. Unita al piano Marshall vi è una concezione nuova del Welfare: la democrazia non è un insieme semplicemente di regole, come volevano le tradizioni liberal-democratiche ottocentesche, ma un insieme di progetti che si costruiscono sul principio dell’eguaglianza e che provengono dal dibattito democratico dell’antifascismo, iniziato negli anni venti, in Italia. Si radica così negli anni la convinzione che la democrazia sia imprescindibilmente legata all’idea di benessere collettivo, e che sia generatrice di pace. Pace, democrazia e welfare saranno il trinomio cardine costitutivo delle democrazie occidentali, anche dell’Italia, che lo inserirà nella sua costituzione. E’ chiaro che poi il processo di costruzione del Welfare, insieme all’equa ridistribuzione del reddito, consentirà il pieno sviluppo del paese (con i miti del miracolo economico) e avrà un suo fondamento nell’Italia del dopoguerra. L’Italia faticherà ad eliminare il welfare del fascismo, però è indubbio come questa sia la dimensione in cui la storia del nostro paese si iscrive e dove si applica una democrazia socialmente interventista nella quale avviene una assoluta novità per lo scenario internazionale che sarà la più grande eredità dell’antifascismo europeo.
 
Per approfondimenti:
_Alberto De Bernardi, “Una dittatura moderna: il fascismo come problema storico” Edizioni Mondadori Bruno
_Alberto De Bernardi, “Discorso sull’antifascismo” 2007 Edizioni Mondadori Bruno
_Alberto De Bernardi, “Un paese in bilico. L’Italia degli ultimi trent’anni” 2014, Laterza Edizioni
 
© L’altro – Das Andere – Riproduzione riservata
Documento senza titolo Documento senza titolo

Scarica gratis






Seguici


Collaborazioni