image_pdfimage_print

La guerra civile Americana: unionisti e confederati a confronto

di Davide Quaresimai del 23/06/2016

Una figura quasi paradossale, da fumetto. Ma il partito con il quale sta impressionando tutto il mondo ha una storia molto vecchia, piena di vicissitudini, alti e bassi.
Si prenderà spunto da questo schieramento politico per iniziare a parlare della Guerra Civile americana che ebbe inizio nel 1854, quando, dopo un periodo non troppo brillante, il Partito Whig si dissolse.
Esso rappresentava gli storici interessi dei borghesi e degli industriali del Nord degli Usa, aveva alle spalle una grande tradizione federale e si batteva continuamente per il rafforzamento della gestione del potere centrale.
Dall’altro lato vi era il Partito democratico, fedele alla corrente liberista e convinto che una maggiore indipendenza nella gestione dei propri affari da parte di ogni singolo Stato avrebbe evitato inconvenienti di vario tipo.
Da sempre molto vicino alle esigenze politiche ed economiche degli agricoltori del Sud, tra le sue fila si potevano annoverare i nuovi immigrati del Nord-Est provenienti da ogni parte del globo.
Gli anni ‘50 dell’800 non furono positivi per la politica americana. Gli interessi iniziarono a radicalizzarsi e le compagini a scindersi.
Il sopracitato Partito whig si divise in due alee, una progressista e una conservatrice; dalla prima nacque il Partito Repubblicano. I punti sui quali si fondava erano l’abolizione della schiavitù, un aumento dei dazi doganali e una maggiore redistribuzione (gratuita) delle nuove terre che venivano ad essere acquisite dal demanio statale mano a mano che la frontiera occidentale si spostava sempre più ad Ovest, inglobando quindi nuovi spazi. Questo tipo di programma faceva felici un gran numero di elettori: industriali delle città del Nord-Est e coloni dell’Ovest.
Erede della tradizione secolare di Thomas Jefferson, il Partito Democratico, invece, stava facendo slittare i suoi interessi e le sue proposte decisamente in favore dei grandi proprietari terrieri del Sud, sostenitori della schiavitù, e ad allontanarsi da tutti coloro che non condividevano le loro idee (come i nuovi immigrati).

Prima di avventurarci nella guerra vera e propria, e quindi nell’analisi delle parti in gioco, è opportuno fare un quadro degli Stati Uniti di metà ‘800.
Il paese era in una fase molto positiva della sua storia. Nuove terre venivano acquisite di giorno in giorno; i territori che venivano messi a coltura (in particolare nel Midwest) rendevano moltissimo, grazie soprattutto alle moderne tecnologie impiegate in campo agricolo, tutte provenienti dalle industrie del Nord-Est del paese. Quest’ultima zona era soggetta, in quanto affacciata sull’Atlantico e quindi in costante collegamento con tutto il mondo, ad un continuo afflusso di emigrati provenienti in particolare dall’Europa.
Gli Stati Uniti erano però profondamente divisi. Come si sarà capito agevolmente, anche attraverso le poche conoscenze possedute in merito a questo argomento, derivanti da letture, film o altro, lo Stato americano era profondamente frammentato al suo interno, già da prima del conflitto. Ma per quale motivo?
A causa di valori, tradizioni e, soprattutto, modelli economici terribilmente diversi fra loro.
Nel Nord-Est vi era la parte più industrializzata del paese, con fabbriche, porti e città, sospinti verso il futuro dal modello capitalistico che lì aveva trovato terreno fertile. In questa zona sorgevano le metropoli più importanti (New York, Boston, Philadelphia); qui erano concentrati i maggiori porti che mettevano in collegamento gli Usa con tutti i continenti e permettevano a migliaia di persone di arrivare ogni anno, animati dalla speranza di una vita migliore; inoltre, sulla costa atlantica vi era il nucleo originario delle tredici colonie. Industriali, banchieri e ceto urbano erano gli elettori in questa parte del paese.
Negli Stati del Sud le cose erano molto differenti. Qui la società era legata ai valori della terra, e la sua unica fonte di ricchezza erano le famosissime piantagioni di cotone, canna da zucchero e tabacco. Gli agricoltori della zona si differenziavano tra loro in piccoli e medi coltivatori (la maggioranza della popolazione) e grandi proprietari, composti da circa 2000 famiglie di ricchi bianchi con in mano la quasi totalità della ricchezza del Sud, e, cosa non di poco conto, in possesso di circa tre milioni e mezzo di schiavi neri. Queste poche famiglie svolgevano, potremmo dire, le medesime funzioni dell’aristocrazia europea. Fornivano i migliori quadri all’esercito, avevano in mano la forza economica del paese (il cotone americano rappresentava il 75% della produzione mondiale) oltre ad avere alle spalle una ferrea tradizione familiare di tipo patriarcale, poco propensa ai cambiamenti.
Infine, vi era la terza parte della società americana, il Midwest. Caratterizzato da liberi agricoltori e allevatori, e da un fortissimo livello di sviluppo, nuovi territori venivano ad aggiungersi a quelli già controllati e messi a coltura con macchinari di ultima generazione; perciò, sempre maggiori e più redditizie derrate, in particolare di cereali, venivano ad essere vendute al loro partner economico: il Nord-Est. Questo è uno dei punti fondamentali per comprendere il conflitto.
Più si scoprivano terre ad Ovest, più si necessitava di macchinari all’avanguardia che permettessero rese e produzioni maggiori. Produzione che doveva necessariamente trovare uno sbocco sul mercato.
Il Nord-Est, con i suoi porti e le sue popolose città faceva al caso loro.
Ma una parte del paese restava fuori da questo circuito economico. Il Sud, legato ancora alle sue sterminate piantagioni e ai suoi schiavi neri impiegati lì dal’700, generazione dopo generazione, non poteva competere con lo sviluppo degli Stati del Nord e con la crescente richiesta di macchinari di quelli dell’Ovest.
Ma (c’è sempre un “ma”) l’arretrato Sud non era poi così tanto fuori dall’economia statunitense. Abbiamo già detto in precedenza della sua importanza nel mercato mondiale del cotone. Prendiamo in considerazione un altro aspetto.
Gli Stati che poi si sarebbero uniti per formare l’esercito unionista, esportavano in totale 87,2 milioni di dollari attraverso tutta la loro produzione. Gli Stati del Sud, che avrebbero invece composto l’esercito secessionista, ne esportavano 229 milioni (il cotone rappresentava circa l’84% con 192 milioni di dollari).
Una sproporzione molto elevata, che però non avrebbe comunque permesso loro di vincere la guerra; e il denaro, lo sappiamo, nel 99% dei casi può essere il migliore degli alleati.
Facciamo però un passo indietro. Abbiamo analizzato il “nodo” economico che divideva la società americana; a questo aspetto però dobbiamo aggiungerne un altro per capire in pieno la divisione, questa volta anche militare, che sarebbe sopraggiunta di lì a poco.
Da una analisi geopolitica, pragmatica, bisogna comprendere come mai la schiavitù potesse arrecare tanti problemi alla società statunitense. La schiavitù è una limitazione totale e abominevole dell’essere umano, contraria ad ogni libertà e diritto dell’uomo di possedere e disporre pienamente dei propri beni.
Al centro della discussione non vi era tanto l’esistenza o meno della schiavitù stessa (peraltro un tenace movimento abolizionista si stava sviluppando nel Nord del paese), piuttosto a fare tanto scalpore e ad animare i dibattiti di mezzo paese era la reale possibilità di introdurla nei nuovi territori dell’Ovest!
Per i piantatori del Sud era un discorso facile. I rendimenti di quelle terre erano molto alti, la manodopera non sarebbe costata quasi nulla, e i profitti sarebbero stati esorbitanti. Ma non era così per i coloni dell’Ovest (che volevano terre gratuite per coltivare cereali) e per gli uomini del Nord (l’introduzione della schiavitù avrebbe impedito la diffusione delle recenti tecnologie in quei luoghi).
Se a questi pochi tasselli, per lo più di natura economica e sociale, vi andiamo ad aggiungere i feroci scontri in campo politico, possiamo adesso capire come mai gli anni ’50 dell’800 furono per la politica statunitense un periodo difficilissimo, pieno di rivoluzioni, rivolgimenti e cambi di partito.
Torniamo adesso nel mondo della politica. Avevamo lasciato un Partito Democratico sempre più legato agli interessi del Sud, e per questo in minoranza (la popolazione del Nord era il doppio di quella del Sud); contro un Partito Repubblicano che si qualificava come antischiavista, favorevole alla produzione interna attraverso l’introduzione di dazi doganali più alti e, infine, fautore di una redistribuzione gratuita dei terreni demaniali nell’Ovest (industriali, borghesi, immigrati e coloni dell’Ovest erano tutti dalla sua parte).
La storia delle elezioni del 1860 è molto avvincente e ricca di colpi di scena.
Quello che sta accadendo oggigiorno in America non è nulla in confronto a ciò che successe in quei mesi. Nessun esponente riusciva a fornire le opportune garanzie. Vi erano antischiavisti, nazionalisti contrari ad ogni forma di immigrazione e industriali corrotti che legavano i propri interessi ai banchieri del Nord.
Nessuno sembrava avere i requisiti idonei per essere il prossimo Presidente degli Stati Uniti d’America.
Improvvisamente, ci si ricordò di quell’avvocato del Kentucky. Proveniente da una famiglia molto modesta, una di quelle tipiche famiglie di agricoltori dell’Ovest, lui sì che sembrava essere la persona giusta. Saldo nelle sue convinzioni democratiche, non era un abolizionista di quelli radicali, anzi, nella propria campagna elettorale non aveva parlato di abolire la schiavitù. Alle spalle aveva già un’idonea esperienza politica, e questo era molto importante; ma, cosa ancora più fondamentale, era un esponente in grado racchiudere in se tutte le diverse anime del nuovo Partito Repubblicano. Il suo nome era Abraham Lincoln.
E’ sicuramente lui il protagonista di questo periodo. Una delle figure più discusse della storia, sulla quale sono state scritte centinaia di pagine e girati famosissimi film (l’ultimo, che peraltro consiglio a tutti per comprendere meglio i numerosi temi che ruotarono intorno alla Guerra Civile americana, è Lincoln di Steven Spielberg, interpretato da Daniel Day-Lewis, e valso a quest’ultimo anche un oscar come miglior attore).
Dopo una campagna elettorale molto avvincente, combattuta contro i nemici di una vita, la sua vittoria per la presidenza degli Stati Uniti fu la goccia che fece traboccare il vaso. Gli Stati del Sud compresero che i loro interessi da quel momento in poi sarebbero stati messi in secondo piano dal primo presidente repubblicano. La loro influenza all’interno della politica americana era diminuita, e molto. Nella Camera dei Rappresentati, eletta in base al numero di cittadini di ogni Stato, il Nord aveva la meglio in quanto più numeroso in fatto di popolazione. Nel Senato, che prevede due rappresentanti per Stato, erano sempre i “nordisti” ad avere la meglio poiché venti Stati erano dalla loro parte, sul totale del tempo; ovvero trentuno.
Per gli undici Stati del Sud queste premesse bastarono per staccarsi dall’unione e formare una Confederazione indipendente, con capitale a Richmond in Virginia, e a capo Jefferson Davis.

Abraham Lincoln (presidente unionista) e Jefferson Davis (presidente degli Stati Confederati)

Aver messo in dubbio le basi degli Stati Uniti d’America rompendo il “patto” che legava Stati liberi e sovrani fra loro avrebbe comportato la fine del potere federale. La guerra (civile, perché combattuta fra membri di uno stesso Stato) fu l’unica via da poter percorrere al fine di evitare il collasso completo.
Molti, nel parlare di questo evento, ne discutono come se fosse una semplice guerra fra due compagini, una favorevole e l’altra contraria alla schiavitù. Non solo. Sicuramente Lincoln ci mise la faccia su questo aspetto, ma ve ne erano anche di altri.
Per esempio, perché mai degli Stati sarebbero dovuti sottostare al volere di persone che si trovavano a migliaia di chilometri di distanza, quando la stragrande maggioranza delle ricchezze del paese provenivano dal loro lavoro?
Certamente il lavoro era in maggioranza dei tre milioni e mezzo di schiavi su un totale di nove milioni di abitanti, ma di schiavi ce n’erano anche al Nord.
In numero molto minore, ma erano comunque presenti e venivano impiegati spesso in lavori umili, per lo più domestici.
Per quanto possa essere un tema toccante, agli americani del tempo importava poco degli schiavi (abbiamo detto sopra cosa ne pensasse Lincoln). La lotta per la schiavitù diventerà lungo la guerra un tema fondamentale, ma non ne fu il fattore scatenante. A generare il conflitto furono motivazioni di origine economico-politico.
Venne contestato il potere del Presidente, venne contestata l’Unione, venne contestata l’America in ogni suo aspetto.
Tutto ebbe inizio nell’aprile del 1861 quando i confederati decisero di attaccare Fort Sumter, una piazzaforte nel sud della Carolina occupata dall’esercito unionista.

Forte Sumter, vicino a Charleston, oggi South Carolina, nell’aprile del 1861. Gli unionisti vi rientrarono solo il 22 febbraio 1865.

I primi mesi di guerra furono teatro di schiaccianti vittorie da parte dell’esercito confederato, il quale faceva affidamento ad una preparazione militare dei suoi soldati molto maggiore rispetto alla gente del Nord, poco adatta ad imbracciare un fucile, questa esperienza derivava principalmente dalle guerre operate dagli Stati Uniti sul Messico dove i generali erano per la maggioranza sudisti.
Guidati strategicamente dal famosissimo generale Robert Lee (peraltro antischiavista) i confederati non incontrarono alcun tipo di difficoltà sul campo di battaglia.
Nel caso però la guerra fosse durata degli anni, come effettivamente accadde, le possibilità di vittoria da parte dei secessionisti si sarebbero ridotte drasticamente; per due motivi.
La prima causa risiede nel numero di soldati inferiore al Nord. Le forze dell’Unione erano composte dalla popolazione di venti Stati, contro i solo undici dei confederati, con un rapporto che oscillava intorno al tre a uno. Sempre nuove truppe erano pronte a rimpiazzare quelle cadute sul campo di battaglia.
Il secondo motivo era di ordine economico. Il Nord aveva una potenza esorbitante dal punto di vista industriale. Armi migliori, munizioni a non finire e nuove tecnologie pronte per essere utilizzate contro i propri confratelli.
Quello della tecnologia militare sviluppatesi durante la Guerra Civile è un altro tema fondamentale, legato indissolubilmente a quella che può essere considerata la prima guerra totale dell’epoca contemporanea: dal seguire le tattiche europee, risalenti alle guerre napoleoniche nella parte iniziale del conflitto, la parte finale divenne una guerra di logoramento dove si vide per la prima volta la trincea, armi letali come le mitragliatrici e il primo sottomarino.
Tornando ai confederati, la loro unica speranza di vittoria era un aiuto da parte di qualche potenza europea, interessata al loro cotone e quindi desiderosa di appoggiarne la vittoria. Questo aiuto però non arriverà mai. La guerra continuerà per molto tempo. Il 1863 può essere considerato l’anno di svolta.
Innanzitutto Lincoln, dopo parecchie delusioni, affidò le truppe al generale Ulysses Grant. Difatti i primi successi arrivarono proprio quell’anno. Ma, soprattutto, il Presidente americano seppe modificare l’esito della guerra, modificando le motivazioni della guerra stessa.

Robert Lee (generale Confederato) e Ulysses Grant (generale unionista)

Ricordiamo che il tutto era degenerato per cause politiche (unione o secessione?) ed economiche.
Ecco, Lincoln trasformò la guerra di secessione, in guerra contro la schiavitù.
Il 1 Gennaio 1863 venne annunciato il Proclama di Emancipazione, ossia una confisca completa di beni ai danni dei nemici dell’Unione, senza alcun indennizzo.
Il sud, teoricamente, si trovava ora a non possedere più nulla. Di conseguenza neanche gli schiavi. Da quel momento loro non erano più merce di qualcuno, erano liberi. Fu un duro colpo per i secessionisti (in parte lo si fece anche per favorirne l’arruolamento nell’esercito unionista).
L’anno prima era stata approvata l’Homestead Act, cioè quella legge che assegnava semi-gratuitamente dei poderi nel West a tutti coloro che non avessero imbracciato un fucile contro gli unionisti. Il Sud era fuori da questa spartizione.
Infine, venne anche emessa una legge sulla ferrovia transcontinentale che sarebbe passata negli Stati del Nord e dell’Ovest senza deviare verso il Sud.
Tutti i possibili guadagni derivanti da questo sempre più importante servizio sarebbero andati in fumo per i Confederati. Senza considerare che già il 72,3% delle reti americane si trovavano negli Stati dell’Unione.
Lincoln fu abilissimo a giocare le sue carte tra il ’62 ed il ’63. Fu lui a vincere la guerra. Il suo discordo sul campo di Gettysburg il pomeriggio del 19 Novembre 1863 è passato alla storia. Lì si raggiunse l’apice dello scontro.

La battaglia di Gettysburg (1º-3 luglio 1863)

Gettysburg fu una battaglia senza un vincitore, un pareggio potremmo dire; ma la mancata vittoria dei Secessionisti segnò la fine della loro spinta. Grave, questa volta, fu l’errore tattico di Lee che ordinò una carica all’arma bianca da parte del suo esercito che fu decimato. Una sconfitta, questa, dalla quale il Sud non si riprese più: ora l’offensiva d’azione era nelle mani del Nord, per la prima volta nella guerra. I due restanti anni, videro soltanto vittorie Nordiste le cui truppe riuscirono infine a penetrare in profondità nel territorio nemico, devastandolo e mettendolo a soqquadro. Il 9 Aprile 1865 i Confederati si arresero. Pochi giorni dopo Lincoln venne assassinato a teatro da parte di un fanatico sudista.
Tirare le somme dello scontro non è cosa facile. Partiamo dagli aspetti più tangibili, purtroppo. In tutto erano morti 600 mila americani, una somma che fa spavento se si pensa al fatto che gli Usa hanno perso più uomini nella loro Guerra Civile che in tutte le altre fatte nella loro storia, comprese quelle Mondiali.
Fu una guerra totale perché si impiegarono armi nuove, come le corazzate (vascelli totalmente fortificati, antenati delle attuali portaerei).

La nave unionista Essex, trasformata e rinforzata, partecipò a molte azioni lungo il Mississippi.

Si utilizzarono moderni mezzi di comunicazione quali il telegrafo e la ferrovia, aprendo la strada a tattiche e movimenti di truppe totalmente innovativi. Soprattutto, la vittoria fu mentale. Come ogni conflitto svoltosi negli ultimi due secoli, fu innanzitutto ideologico. Le manovre studiate da Lincoln a guerra in corso furono fondamentali, ma i nodi arrivarono al pettine una volta terminato tutto.
Quando, all’inizio del 1863, era stato emesso il Proclama di Emancipazione, il colpo alle proprietà di quelli che venivano ad essere considerati ribelli, ossia i secessionisti, nemici dell’unità americana, fu totale. Ma, a guerra terminata, il proclama avrebbe continuato a far sentire i suoi effetti, anche contro la parte della popolazione del Sud che non era scesa personalmente sul campo di battaglia. Il Proclama, quindi, era stato una spinta ideologica fondamentale per il buon esito del conflitto, ma non serviva assolutamente a nulla una volta che non si fosse più sparato un colpo. Anzi, era un’arma in mano ad alcuni sudisti. Il discorso è un po’ complicato, cercherò di spiegarmi meglio.
Alcuni cittadini del Sud avrebbero potuto impugnare lo stesso Proclama contro l’Unione, poiché quest’ultima, attraverso l’emanazione dell’atto, andava a scavalcare uno dei suoi pilastri fondativi, la proprietà privata. Si doveva rimediare assolutamente.
Infilarlo nella Costituzione attraverso il XIII emendamento, nel Gennaio 1865, sembrò la via più opportuna da percorrere. Eccone qui un estratto dalla Sezione I:
“La schiavitù o altra forma di costrizione personale non potranno essere ammesse negli Stati Uniti, o in luogo alcuno soggetto alla loro giurisdizione, se non come punizione di un reato per il quale l’imputato sia stato dichiarato colpevole con la dovuta procedura”.
Il messaggio ideologico sfruttato dai Nordisti durante la Guerra, diretto ad un certo pubblico, divenne un emendamento per evitare problemi una volta terminato il conflitto, in modo da legittimare le loro parole e far sì che qualcuno non potesse accusare il Governo americano di requisizioni senza senso ai danni dei cittadini.
Terminato il conflitto gli Usa si seppero risollevare e rinforzare, per non ricadere più in errori simili. Tutta la loro enorme struttura politica e costituzionale era stata messa in dubbio, soggiogata alle esigenze di una parte della popolazione, per poter infine risorgere più forte di prima ed incanalare il paese in quella strada che poi lo avrebbe portato ad essere la nazione più solida al mondo.
 
Per approfondimenti:
_Storia della guerra civile americana, di Raimondo Luraghi – Edizioni BUR, Rizzoli
_La guerra civile americana, una nuova storia, di Bruce Levine – Edizioni Einaudi
 
Fonti Web:
_theatlantic.com
 
© L’altro – Das Andere – Riproduzione riservata
Documento senza titolo Documento senza titolo

Scarica gratis






Seguici


Collaborazioni




Italia Sabauda

Finis Austriae