image_pdfimage_print

Brexit la sfida. Daniele Capezzone, Federico Punzi

 

20 Gennaio 2018 – Bottega del Terzo Settore – Via Trento e Trieste n.18, 63100 Ascoli Piceno
Introduce: Giuseppe Baiocchi
Interviene: Daniele Capezzone
Interviene: Federico Punzi

 

Sabato 20 Gennaio presso la Bottega del Terzo Settore si è svolto il 34°evento dell’associazione onlus Das Andere. Ospiti l’Onorevole Daniele Capezzone e il giornalista Federico Punzi. L’evento introdotto dal presidente arch.Giuseppe Baiocchi ha visto protagonista un pubblico variegato, con i saluti di apertura del presidente del Consiglio comunale Marco Fioravanti. Nell’ultimo anno la magnitudo britannica Brexit ha avuto effetti devastanti sull’opinione pubblica – di stampo fortemente europeista -, la quale ha drammaticamente demonizzato il fenomeno della libera scelta dei cittadini britannici. Federico Punzi prima, Daniele Capezzone poi, hanno dissertato sul vero significato di un’operazione politica complessa, dove è emerso unicamente il desiderio e il bisogno, da parte britannica, di continuare a perseguire il proprio interesse nazionale. Rischio dell’Italia, diversamente, quello di accodarsi all’asse franco-tedesco, che propone un sistema economico sempre più centralizzato e sempre meno competitivo. Frizzante e di forte interesse le domande del pubblico che ha dimostrato – ancora una volta – grande preparazione disciplinare: giusto premio verso un saggio – edito da historica edizioni di Francesco Giubilei -, di grande coraggio e spessore.

Il volume ha l’obiettivo di illuminare, attraverso opinioni originali e controcorrente, l’altro lato possibile del voto per la Brexit, dopo il quale in Europa è prevalsa un’opinione ostile e di condanna delle scelte del popolo e del governo britannico. Su tutto questo, la distanza tra popolo ed “esperti”, tra cittadini ed establishment, appare sempre più marcata. In sottofondo, c’è l’antica e mai risolta antinomia tra un mondo anglosassone storicamente capace di scommettere sulla libertà, sulla competizione, sul confronto, e una consolidata tendenza dell’Europa continentale a costruire sistemi politici ed economici consociativi, bloccati e rigidi. In palio non c’è solo il nuovo equilibrio che si verrà a creare tra Londra e Bruxelles, ma anche la capacità di cogliere l’occasione per ridiscutere le regole europee, per costruire alleanze dinamiche e intelligenti, salvo altrimenti accettare come destino irreversibile il predominio franco-tedesco.

Documento senza titolo Documento senza titolo

Scarica gratis






Seguici


Collaborazioni